Mancini: «Inizia una competizione importante. De Rossi? Ci ho parlato»

03.09.2018 16:15 di Alessandro Paoli Twitter:   articolo letto 281 volte
Fonte: figc.it
© Getty Images
© Getty Images

Roberto Mancini, CT della Nazionale A, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, come riporta il sito ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (figc.it), durante la conferenza stampa odierna svoltasi quest'oggi, lunedì 3 settembre, alle ore 13:45 presso l'Aula Magna del Centro Tecnico Federale di Coverciano (FI):

«Inizia una competizione importante - dichiara il Commissario Tecnico azzurro - il nostro obiettivo è giocare bene e cercare di vincere il gruppo. L’ho detto a giugno e lo ripeto adesso, sono molto fiducioso perché qui ci sono ragazzi che hanno qualità tecniche e fisiche importanti».

«Non ricordo un periodo con così pochi italiani in campo - prosegue Roberto Mancini - è il momento più basso. Certi giovani che stanno in panchina sono più bravi di alcuni stranieri che giocano titolari. Nelle nazionali giovanili ci sono tanti ragazzi bravi e un diciannovenne bravo dovrebbe giocare in Serie A. All’estero i giovani giocano, hanno il coraggio di metterli dentro. Dobbiamo trovare un po’ di coraggio e farli giocare, speriamo che con il tempo abbiano più spazio. Bisogna trovare delle soluzioni e credo sia utile farli venire qui per farli ambientare e per capire cosa possono darci in futuro. Abbiamo lasciato anche alcuni ragazzi all’Under 21, un po’ alla volta li chiameremo».

Su Daniele De Rossi (AS Roma): «Ci ho parlato, è a disposizione e sa che può essere chiamato in qualsiasi momento per giocare una partita decisiva. Lo stesso discorso vale per Buffon e per tutti quelli che giocano, anche se il nostro focus è su chi c'è adesso e chi potrà esserci il prossimo anno».

Su Fabio Quagliarella (UC Sampdoria): «Gli va fatto un applauso, è sempre stato un attaccante straordinario».

Su Marco Benassi (ACF Fiorentina): «È un giocatore bravo e ha enormi margini di crescita».

Su Mario Barwuah Balotelli (OGC Nice Côte d'Azur): «È dimagrito? Sì, di 8-9 grammi. Mario spero di vederlo bene in allenamento, anche se è chiaro che avendo giocato una partita sola non possa stare fisicamente al 100%».