Mancini: «Iniziano partite importanti. Balotelli? Non è pronto»

18.03.2019 16:00 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: figc.it
© Getty Images
© Getty Images

Roberto Mancini, CT dell'Italia (Nazionale A), ha riliasciato le seguenti dichiarazioni, come riporta il sito ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (figc.it), durante la conferenza stampa svoltasi quest'oggi, lunedì 18 marzo, alle ore 14:00 presso il Centro Tecnico Federale di Coverciano (FI):

«Da adesso le partite iniziano ad essere molto importanti - dichiara il Commissario Tecnico azzurro - si sentirà un po’ più il peso di queste gare, ma sono fiducioso perché vedo che i ragazzi hanno tanto entusiasmo. Il primo match di solito è il più difficile e dobbiamo iniziare bene. Vorrei che la squadra mostrasse la stessa voglia di vincere delle gare precedenti, la stessa voglia di attaccare e la capacità di difendere quando c’è da difendere».

Su Fabio Quagliarella (UC Sampdoria): «Rispetto a quattro-cinque mesi fa lo spunto più interessante del campionato è che stanno giocando di più i giovani che sono nell’orbita della Nazionale maggiore e dell’Under 21 e che di conseguenza sono tutti migliorati. Ho convocato qualche giocatore in più per poterlo valutare e perché non sapevo le condizioni di tutti i ragazzi. Ho anche lasciato qualcuno a casa con grande dispiacere».

Su Mario Barwuah Balotelli (Olympique de Marseille): «Mario non è ancora nelle condizioni ottimali per giocare in Nazionale. È cresciuto a livello fisico, ha una buona media realizzativa e può migliorare ancora: da lui ci aspettiamo tanto. Belotti è un ragazzo giovane, anche lui sta migliorando e può fare molto meglio: potrà tornare in Nazionale come tanti altri giocatori».

Su Jorge Luiz Frello Filho Jorginho (Chelsea FC) e Marco Verratti (Paris Saint-Germain FC): «Stanno facendo bene, se giocassero ancora più partite insieme migliorerebbero ancora. Anche altri calciatori come Piccini e Grifo che giocano all’estero stanno andando molto bene».

Su Nicolò Zaniolo (AS Roma): «Va dato merito a Di Francesco di avergli dato enorme fiducia».

Sul paragone tra Moise Bioty Kean (Juventus FC) e Mario Barwuah Balotelli (Olympique de Marseille): «Alla sua età Mario (Balotelli,ndr) faceva molti gol e ha vinto tanto».

«Perché gli ho portato via diversi ragazzi - conclude Mancini ringraziando Luigi Di Biagio (CT Italia Under 21) -. È vero che l’Under 21 deve giocare due amichevoli, ma lui deve preparare un Europeo in cui abbiamo una squadra per poter arrivare fino in fondo».