Di Biagio: «Prestazione da rivedere. Abbiamo fatto un passo indietro»

25.05.2018 22:05 di Alessandro Paoli Twitter:   articolo letto 420 volte
Fonte: Rai Sport
© Getty Images
© Getty Images

Luigi Di Biagio, CT dell'Italia Under 21, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Rai Sport al termine dell'amichevole internazionale odierna, che ha visto gli Azzurrini perdere per 3-2 contro i pari categoria del Portogallo (Portogallo U21 vs Italia U21 3-2, 25 maggio 2018):

«Nel primo tempo, forse, abbiamo pensato che la partita fosse più semplice - dichiara il Commissario Tecnico azzurro - perché, dopo sei o sette minuti, potevamo fare due gol. Bisognava farli perché, poi, succede quello che successo. Abbiamo fatto degli errori individuali dui tre gol, abbiamo perso le distanze giuste in maniera troppo veloce e questo non va bene. Una prestazione da rivedere, una prestazione che mi ha consentito comunque di valutare alcuni giocatori più giovani per capire su chi di loro potrei contare in futuro. Prendiamo quel poco che di buono c'è stato».

«Un discreto secondo tempo - prosegue Di Biagio -, che ritengo sia stato la reazione della squadra all'essere andati negli spogliatoi sotto per 3-1. Rispetto a come siamo abituati a giocare, la prestazione di oggi è stata un passo indietro».

Sulla prestazione offerta contro il Portogallo Under 21: «Quando in campo ci sono sette o otto elementi nuovi, come ci è accaduto nel secondo tempo, tutto diventa un po' più difficile perché non ci si conosce. Queste gare, però, servono per valutare certe dinamiche».

Sui tanti errori individuali commessi quest'oggi dagli Azzurrini: «Succedono. L'errore individuale ci sta. Il problema è che dovevamo essere un po' più vicini tra di noi e ci dovevamo aiutare, cosa che non è stata fatta evidenziando, ancora di più, l'errore individuale».

Sul possesso palla del Portogallo Under 21: «Il loro possesso palla lo conosciamo e lo conoscevamo. Sapevamo che era il loro punto di forza e, una volta passati in vantaggi, gli è venuto più semplice».

Sulla Francia Under 21, prossima avversaria degli Azzurrini: «Ben venga! Sono partite contro avversarie come queste che ci permettono di crescere. Il nostro obiettivo è un altro».