Florenzi: «Mi sento più forte rispetto agli ultimi Europei»

Il difensore azzurro ha parlato durante la conferenza stampa odierna della Nazionale A del CT Roberto Mancini svoltasi presso il CTF di Coverciano
08.06.2021 15:00 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: figc.it
© Getty Images
© foto di TuttoNazionali.com
© Getty Images

Alessandro Florenzi, difensore classe '91 del Paris Saint-Germain FC, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, come riporta il sito ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (figc.it), durante la conferenza stampa dell'Italia (Nazionale A) del Commissario Tecnico Roberto Mancini svoltasi quest'oggi, martedì 8 giugno, alle ore 14:00 presso il Centro Tecnico Federale "Luigi Ridolfi" di Coverciano (FI):

«Questo gruppo - dichiara il calciatore azzurro - è molto simile a quello azzurro di cinque anni fa, del 2016, anche se secondo me abbiamo più qualità. Ma lo dobbiamo dimostrare: dobbiamo fare meglio dei quarti di finale raggiunti a EURO 2016».

«Personalmente mi sento un giocatore più forte rispetto agli ultimi Europei - prosegue Florenzi -. Quest’ultima stagione mi ha insegnato tante cose: ad entrare in uno spogliatoio fatto di grandi personalità, mi ha reso un calciatore migliore e mi ha dato la consapevolezza di esserlo. Sono davvero voglioso di disputare una manifestazione di questo livello. Adesso si fa veramente sul serio: non vediamo l’ora di iniziare».

Sulla 1ª giornata del Gruppo A della fase finale di UEFA EURO 2020™ contro la Turchia in programma venerdì 11 giugno alle ore 21:00 presso lo Stadio Olimpico di Roma (RM): «Affronteremo una squadra con ottime individualità e ben organizzata. Sono bravi nelle conclusioni da fuori e sui calci piazzati, per cui dovremo stare particolarmente attenti anche a non concedere punizioni. Sarà una bella emozione tornare in uno stadio che mi ha visto crescere e che mi ha dato tanto, per di più finalmente con il pubblico sugli spalti».

Sulle altre formazioni presenti a UEFA EURO 2020™: «Credo che la Francia sia la favorita, anche perché può contare sul giocatore più forte del torneo, probabilmente il migliore al mondo in questo momento: Mbappé (Paris Saint-Germain FC, ndr). E lo dico con la consapevolezza di essermi allenato con lui nell’ultimo anno. Ma vincere non è facile né scontato, soprattutto in una competizione in cui possono essere i dettagli a fare la differenza. Ci sono altre Nazionali che possono insidiare la Francia per la vittoria finale nella competizione e tra queste ci siamo anche noi».