Lippi: «Del Piero e Totti spledide persone. Il Mondiale? Una grande gioia»

Il selezionatore della Cina, Campione del Mondo nel 2006 con l'Italia, ha parlato ai microfoni di Soccer Magazine parlando un po' del suo passato
11.04.2020 19:15 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: soccermagazine.it
© Getty Images
© Getty Images

Marcello Lippi, selezionatore della Cina (Nazionale A), ha rilasciato le seguenti dichiarazioni sul sito Soccer Magazine (soccermagazine.it) in merito al suo passato alla guida dell'Italia (Nazionale A) dal 2004 al 2006 e dal 2008 al 2010:

Sull'utilizzo dell'attaccante, classe '83, Fabio Quagliarella dell'UC Sampdoria durante la fase finale di FIFA World Cup South Africa 2010: «Lui probabilmente ha raccolto meno e magari sarebbe stato più giusto che lo impiegassi un po’ più frequentemente. Per quanto mi riguarda io non ho nessun rimpianto nella mia carriera, ho avuto degli alti e bassi, ma sono stati talmente tanti gli alti che va bene così».

Sull'emozioni provate il 9 luglio 2006 presso all'Olympiastadion Berlin di Berlino (Germania) dopo essersi laureato Campione del Mondo a FIFA World Cup Germany 2006 battendo la Francia in finale (Italia vs Francia 1-1, 5-3 dtr): «È una costante la mia: siccome tutti i sacrifici che ho fatto nella mia carriera li ho fatti insieme alla mia famiglia, nei momenti di grande gioia e di grandi conquiste ho sempre pensato alla mia famiglia. E ovviamente anche ai miei genitori che non hanno potuto provare queste emozioni».

Sulle differenze tra Alessandro Del Piero e Francesco Totti: «Al di là dell’aspetto tecnico non c’è nessuna differenza. Sono due splendide persone, due splendidi ragazzi capaci di legare con tutti i compagni. Non ci sono grandi differenze».