Nicolato: «L'importante è essere umili ed ambiziosi. Test impegnativo»

Il CT dell'Italia Under 21 ha parlato alla vigilia della partita contro l'Irlanda valevole per la 2ª giornata del Gruppo 1 di #U21EURO #HungarySlovenia2021
09.10.2019 19:35 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: figc.it
© Getty Images
© Getty Images

Paolo Nicolato, CT dell'Italia Under 21, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, come riporta il sito ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (figc.it), durante la conferenza stampa odierna svoltasi quest'oggi, mercoledì 9 ottobre, alle ore 13:00 presso il KingsWood Hotel Citywest**** di Dublino (Repubblica d'Irlanda) in vista della 2ª giornata del Gruppo 1 della fase di qualificazione alla fase finale della UEFA European Under-21 Championship Hungary-Slovenia 2021, che vedrà gli Azzurrini affrontare i pari categoria della Repubblica d'Irlanda presso il Tallaght Stadium di Dublino (Repubblica d'Irlanda):

«Sarà un grande momento di confronto per noi - dichiara il Commissario Tecnico azzurro -, che abbiamo appena iniziato la nostra avventura, un confronto con una realtà molto diversa, ben radicata che lavora insieme da marzo scorso, e che dunque sarà importante per la nostra crescita».

«Ho trovato i ragazzi bene - prosegue Nicolato -, con un buono spirito. Sono volenterosi, poi il campo ci dirà qualcosa in più. Li ho visti tutti in forma, sono ragazzi di qualità, e questo mi gratifica molto. Sarà impossibile metterli in campo tutti insieme, ma allo stesso tempo so che tutti potranno essere utili. L’importante è essere umili ed ambiziosi. Abbiamo il test più impegnativo da affrontare in questo momento, siamo fiduciosi e speriamo di fare una buona gara, di mostrare carattere perché, oltre alla qualità, ci vuole anche quello».

Sul fatto di dover affrontare due trasferte consecutive: «Non abbiamo avuto molto tempo a disposizione per prepararci, però ho notato che il gruppo è arrivato con lo spirito giusto, vedo entusiasmo in loro e qualcuno ha iniziato anche a giocare di più in campionato. Il fatto che si giochi in trasferta, con tutte le insidie legate al cambio di clima e al lungo viaggio, da una parte complica e dall’altra stimola. Sono curioso di vedere la risposta della mia squadra sul campo».