Nicolato: «Mi aspetto un match fisico contro l'Islanda»

Il CT azzurro ha parlato durante la conferenza stampa odierna in vista della gara internazionale Italia U21 vs Islanda U21 #U21EURO #HungarySlovenia2021
11.11.2019 16:00 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: figc.it
© Getty Images
© Getty Images

Paolo Nicolato, CT dell'Italia Under 21, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, come riporta il sito ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (figc.it), durante la conferenza stampa odierna, svoltasi quest'oggi, lunedì 11 novembre, alle ore 13:30 presso l'Hotel La Residence & Idrokinesis® di Abano Terme (PD), in vista della gara internazionale contro l'Islanda, in programma sabato 16 novembre alle ore 18:30 presso lo Stadio "Paolo Mazza" di Ferrara (FE), valevole 4ª giornata del Gruppo 1 della fase di qualificazione alla fase finale della UEFA European Under-21 Championship Hungary-Slovenia 2021:

«Le partite sono tutte impegnative - dichiara il Commissario Tecnico azzurro - e le prossime due saranno toste contro squadre che stanno bene dal punto di vista fisico. Ma sono fiducioso, abbiamo una settimana piena per lavorare, speriamo che il tempo sia magnanimo con noi e di prepararle al meglio».

«Contro l’Islanda - prosegue Nicolato - mi aspetto un match molto fisico perché è una squadra fisicamente molto dotata e composta da giocatori che sono più avanti nella preparazione e nel numero di partite giocate. Però anche la mia squadra è cresciuta, con qualche ragazzo che inizia a giocare di più in campionato, come per esempio Bastoni (FC Internazionale, ndr), un giocatore per noi imprescindibile, ci dà qualità, forza, intuito».

Sulla promozione del centrocampista, classe 2000, Salvatore Esposito dell'AC Chievo Verona dall'Italia Under 20 del CT Daniele Franceschini: «Queste sono situazioni che da un certo punto di vista ci gratificano e dall'altro ci pongono qualche difficoltà in più. Cercheremo comunque di proporre una squadra di qualità, dobbiamo avere fiducia di crescere altri giocatori dello stesso livello. Serve pazienza, ma sono fiducioso. Esposito (AC Chievo Verona, ndr) è un ragazzo che sa giocare a calcio, anche se magari non è totalmente maturo dal punto di vista fisico».