Sensi: «Non dobbiamo sottovalutare gli avversari. Barella? Rivalità sana»

Il centrocampista azzurro ha parlato durante la conferenza stampa odierna della Nazionale A presso l'Isokinetic Bologna di Casteldebole (BO)
03.09.2019 19:45 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: figc.it
© Getty Images
© Getty Images

Stefano Sensi, centrocampista classe '95 dell'FC Internazionale, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, come riporta il sito ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (figc.it), durante la conferenza stampa dell'Italia (Nazionale A) del CT Roberto Mancini svoltasi quest'oggi, martedì 3 settembre, alle ore 16:30 presso l'Isokinetic Bologna di Casteldebole (BO):

«Avere accanto giocatori tecnici come Jorginho (Chelsea FC) e Verratti (Paris Saint-Germain FC) aiuta - dichiara l'azzurro - posso giocare dove serve. Il mio ruolo è il regista, ma nel calcio moderno ci si scambia spesso i ruoli durante la partita. Con Conte all'Inter mi sto trovando molto bene a fare la mezzala».

Sul paragone con Andrés Iniesta Luján (Vissel Kobe) e Xavier "Xavi" Hernández Creus (Al-Sadd SC): «Sono paragoni difficili perché parliamo di due dei centrocampisti più forti di tutti i tempi. Credo di avere caratteristiche adatte al calcio spagnolo, tutto qui. Penso che nel calcio di oggi non conti molto il fisico, quanto la velocità d'esecuzione e la tecnica. E che anche un ragazzo basso possa avere atletismo. In azzurro proponiamo un calcio offensivo, cerchiamo il fraseggio e il palleggio».

Su Nicolò Barella (FC Internazionale): «Con l'Italia abbiamo molto palleggio e poi ci sono giocatori difficili da tenere in panchina. Io e Nicolò siamo grandi amici, è chiaro che avendo lo stesso ruolo siamo rivali, ma è una rivalità sana. Nessuno deve essere scontento di non giocare perché il bene della squadra è primario».

Sugli aspetti in comune tra Antonio Conte (FC Internazionale) e Roberto Mancini: «Le differenze sono molte, anche perché in Nazionale abbiamo meno tempo per lavorare. Entrambi hanno una mentalità vincente e questo conta».

 Sull'FC Internazionale: «lo sto vivendo con serenità e ambizione, tutti credono in me e così lavoro al meglio».

Sulle gare internazionale contro l'Armenia, in programma giovedì 5 settembre alle ore 18:00 italiane (ore 20:00 locali) presso il Republican Stadium di Yerevan (Armenia), e contro la Finlandia, in programma domenica 8 settembre alle ore 20:45 italiane (ore 21:45 locali) presso il Tampere Stadium di Tampere (Finlandia), valevoli rispettivamente per la 5ª e 6ª giornata del Gruppo J del Round 1 delle European Qualifiers a UEFA Euro 2020: «Saranno due partite difficili perché loro sono più avanti fisicamente e giocano in casa. Non dobbiamo sottovalutare gli avversari, nel calcio può succedere di tutto. Con concentrazione e cattiveria possiamo fare cose importanti».