Mancini: «Armenia? Fisicamente più avanti. Servirà una grande partita»

Il CT azzurro ha parlato durante la conferenza stampa in vista di Armenia-Italia valevole per le #EuropeanQualifiers alla fase finale di #UEFAEURO2020
04.09.2019 20:00 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: figc.it
© Getty Images
© Getty Images

Roberto Mancini, CT dell'Italia (Nazionale A), ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, come riporta il sito ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (figc.it), durante la conferenza stampa odierna svoltasi quest'oggi, mercoledì 4 settembre, alle ore 18:30 presso il Vazgen Sargsyan Republican Stadium di Yerevan (Armenia) in vista della 5ª giornata del Gruppo J del Round 1 delle European Qualifiers alla fase finale di UEFA Euro 2020 contro l'Armenia:

«Il nostro obiettivo - dichiara il Commissario Tecnico azzurro - è raggiungere il prima possibile la qualificazione all’Europeo e queste sono due partite fondamentali. Siamo riusciti a fare bene fino ad oggi, ora ci ritroviamo dopo quattro mesi e non saremo al massimo della forma fisica, ma abbiamo altre armi con cui sopperire. A livello fisico l’Armenia è più avanti di noi, visto che in tanti giocano in campionati che sono già arrivati a metà. Il meglio lo esprimono in avanti, dove hanno quattro giocatori con caratteristiche tecniche importanti e molta velocità. Arrivano da un'ottima partita giocata ad Atene e sono in corsa per la qualificazione. Servirà una grande partita, dovremo mettere le cose in chiaro subito e incontreremo delle difficoltà se la giocheremo pensando che possa essere una partita semplice».

Sugli infortunati: «Sono molto dispiaciuto per i tre infortunati gravi che abbiamo avuto (Chiellini, Piccini e Pavoletti, ndr), gli altri sono malanni che per fortuna passano in fretta. Alcuni giocatori, ad esempio quelli del Torino, sono per forza di cose più avanti, ma la priorità è ricominciare dal secondo tempo contro la Bosnia, da quella mentalità offensiva. Un po' di difficoltà le avremo, come le abbiamo avute contro la Finlandia. Dovremo dare il meglio nei momenti di difficoltà».