Mancini: «È giunto il momento. Sarà una partita difficile»

Il CT della Nazionale A ha parlato durante la conferenza stampa alla vigilia della 1ª giornata del Gruppo A di UEFA EURO 2020™ contro la Turchia
10.06.2021 18:30 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: figc.it
© Getty Images
© foto di TuttoNazionali.com
© Getty Images

Roberto Mancini, Commissario Tecnico dell'Italia (Nazionale A), ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, come riporta il sito ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (figc.it), durante la conferenza stampa svoltasi quest'oggi, giovedì 10 giugno, alle ore 17:45 alla vigilia della 1ª giornata del Gruppo A della fase a gironi della fase finale di UEFA EURO 2020™ contro la Turchia in programma domani, venerdì 11 giugno, alle ore 21:00 presso lo Stadio Olimpico di Roma (RM):

«È giunto il momento - dichiara il CT azzurro - di tornare a dare delle soddisfazioni ai nostri tifosi. Che notte sarà quella della vigilia? Spero di viverne altre insonni più in là, a luglio, quando l’Europeo sarà arrivato alla sua fase conclusiva».

«Ero fiducioso tre anni fa - prosegue Mancini -, quando sono salito sulla panchina dell’Italia, e lo sono ancora di più oggi: abbiamo dalla nostra giocatori bravi e si è creato un bel gruppo. Vorremmo continuare a divertirci e desideriamo arrivare a Londra, per l’ultimo step della competizione: sono molto fiducioso».

Sulla sostituzione per infortunio del centrocampista, classe '96, Lorenzo Pellegrini dell'AS Roma con il centrocampista, classe '97, Gaetano Castrovilli dell'ACF Fiorentina: «Dispiace perché Pellegrini è un calciatore importante per il nostro gioco, così come lo è Sensi: anche a lui abbiamo dovuto rinunciare. Ci dispiace per Lorenzo, come giocatore e come persona, e l’augurio di tutti noi è che possa guarire in fretta».

Sulla presenza del pubblico allo Stadio Olimpico di Roma (RM): «Sarà impossibile non emozionarsi. In campo sarà una partita difficile, come tutte. Essendo la prima ci sarà più pressione e il nostro rispetto per la Turchia è massimo, perché ha molti giocatori di talento».