Nicolato: «L'obiettivo è quello di verificare la nostra condizione»

Il CT azzurro ha parlato alla vigilia della gara contro la Svezia in programma domani alle ore 18:30 presso la Guldfågeln Arena di Kalmar (Svezia)
07.09.2020 19:25 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: Rai Sport
© Getty Images
© Getty Images

Paolo Nicolato, Commissario Tecnico dell'Italia Under 21, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Rai Sport alla vigilia della 6ª giornata del Gruppo 1 della fase di qualificazione alla fase finale della UEFA European Under-21 Championship Hungary-Slovenia 2021 contro la Svezia in programma nella giornata di domani, martedì 8 settembre, alle ore 18:30 presso Guldfågeln Arena di Kalmar (Svezia) [diretta televisiva Rai 2]:

«L'obiettivo è quello di verificare un po' quello che è la nostra condizione - dichiara il CT azzurro -, sarà il nostro rientro dopo nove mesi. È passato molto tempo e siamo tutti un po' curiosi di vedere come sarà».

Sulle differenze rispetto all'amichevole contro la Slovenia (Italia U21 vs Slovenia U21 2-1, 4 settembre 2020): «Sarà sicuramente diversa rispetto a quella, ma sarà anche diverse rispetto a tutte le altre. Spesso, purtroppo, dobbiamo modificare l'assetto, la formazione per varie causa. Sarà importante, ancora di più, la motivazione che troverenno i ragazzi e sarà importante riuscire a trovare le soluzioni».

Sul fatto che la Svezia sia obbligata a vincere: «Non credo che, a livello internazionale, ci siano squadre che cerchino di pareggiare, vogliono vincere e cercano di fare il massimo. C'è una mentalità molto competitiva, quindi mi aspetto che vogliano vincere».

Sulla differenza di condizione fisica, al momento, tra la Svezia e l'Italia: «Questa è una delle incognite più grandi. Loro sono tradizionalmente squadre che corrono molto. Dovremo essere bravi a far faticare il pallone ed a faticare un po' meno noi. Ci saranno sicuramente le migliori intenzioni».

Sui tanti calciatori dell'Under 21 convocati in Nazionale A (attualmente Moise Bioty Kean dell'Everton, Manuel Locatelli dell'US Sassuolo Calcio, Sandro Tonali del Brescia Calcio e Nicolò Zaniolo dell'AS Roma): «Soddisfazione! Spero di dare altri ragazzi alla Nazionale A perché significa che tutto il Club Italia fa un ottimo lavoro. Il merito non è solamente mio, ma di tutto le nostre Nazionali Giovanili. Innanzitutto è una grandissima soddisfazione poi non possiamo pretendere che sono alle prime esperienza di avere lo stesso approccio di quelli precedenti. Dobbiamo pazientare un po'».