Viscidi: «Under 21 B importante nel periodo COVID più delicato»

Il Coordinatore delle Nazionali Giovanili maschili FIGC ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in merito all'esigenza di allestire un'Italia Under 21 B
03.11.2020 16:10 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: figc.it
© Getty Images
© foto di TuttoNazionali.com
© Getty Images

Maurizio Viscidi, coordinatore delle Nazionali Giovanili maschili FIGC, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni sul sito ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (figc.it) in merito alla decisione del Club Italia di allestire, per essere in grado di rispondere tempestivamente ad eventuali esigenze legate al COVID-19 che potrebbero determinarsi, due selezioni Under 21, una regolarmente affidata al Commissario Tecnico Paolo Nicolato ed un'altra affidata ad Alberto Bollini (CT Italia Under 20), in vista delle tre partite del Gruppo 1 della fase di qualificazione alla fase finale della UEFA European Under-21 Championship Hungary-Slovenia 2021 contro i pari categoria dell'Islanda (recupero della 7ª giornata) in programma giovedì 12 novembre alle ore 17:30 presso il Víkingsvöllur di Reykjavík (Islanda), del Lussemburgo (9ª giornata) in programma domenica 15 novembre alle ore 18:30 presso lo Stade Municipal de la Ville de Differdange a Differdange (Lussemburgo) e della Svezia (10ª giornata) in programma mercoledì 18 novembre alle ore 17:30 presso l'Arena Garibaldi - Stadio "Romeo Anconetani" di Pisa (PS):

«Mi preme sottolineare - dichiara il dirigente azzurro - la funzione e l’importanza della "nuova" Under 21 B, che la Federazione ha voluto strutturare per tempo dopo la positiva prestazione di ottobre della mista Under 21/Under 20. Dovendo affrontare 3 partite ufficiali, di cui 2 all’estero nel periodo COVID più delicato e imprevedibile, è doveroso farsi trovare pronti. Si chiama Under 21 ‘B’ perché la maggior parte dei calciatori sono stati convocati da Nicolato, completati dagli Under 20 di Bollini. Le due rose Under 21 sono state anche illustrate e condivise dal sottoscritto con il CT Mancini, che ha apprezzato l’iniziativa perché permette anche di avere un bacino ancora più ampio dal quale attingere».