Bonucci: «L'Inghilterra ha una difesa super. Kane? Tra i più forti al mondo»

Il difensore azzurro ha parlato durante la conferenza stampa odierna della Nazionale A del CT Roberto Mancini svoltasi presso il CTF di Coverciano
09.07.2021 16:00 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: figc.it
TuttoNazionali.com
TuttoNazionali.com
© foto di Getty Images

Leonardo Bonucci, difensore classe '87 della Juventus FC, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, come riporta il sito ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (figc.it), durante la conferenza stampa dell'Italia (Nazionale A) del Commissario Tecnico Roberto Mancini svoltasi quest'oggi, venerdì 9 luglio, alle ore 14:00 presso la sala stampa del Centro Tecnico Federale "Luigi Ridolfi" di Coverciano (FI):

«L’Inghilterra ha una difesa super - dichiara il calciatore azzurro - avevo detto tempo fa che era una delle candidate a vincere l’Europeo e infatti è arrivata in finale. Servirà grande attenzione nella fase difensiva e molta astuzia per fare gol. Non vediamo l’ora di scendere in campo, abbiamo voglia di fare qualcosa di storico».

Sul fatto che domenica, giocando la gara unica della finale della fase a eliminazione diretta della fase finale di UEFA EURO 2020™ contro l'Inghilterra in programma alle ore 21:00 presso il Wembley Stadium di Londra (Inghilterra), diventerà il calciatore azzurro con il maggior numero di presenze ad una fase finale di un Europeo (18): «Non pensavo di arrivare subito a giocare una finale, ma sapevo che la risalita non sarebbe stata difficile. Il mister ha lavorato sulla testa, ridandoci fiducia, entusiasmo e autostima e in più ha messo in campo talento e qualità, che sono le cose che nel calcio ti fanno vincere. Giocare con tanto talento a centrocampo e nei tre avanti ha agevolato il nostro percorso».

Sul fatto di giocare al Wembley Stadium di Londra (Inghilterra): «Zero alibi! Pensiamo solo a giocare a calcio, a divertirci e a portare entusiasmo. Il resto sono soltanto chiacchiere. Domenica sarà il miglior spettacolo possibile per il calcio europeo e mondiale, giocheremo in casa loro ma questo non ci spaventa. Non c’è stanchezza, abbiamo avuto molto tempo per recuperare e siamo pronti a dare battaglia. Vincere l’Europeo sarebbe importante per il movimento calcistico italiano, per la Federazione e per ogni singolo giocatore della Nazionale. Sarebbe una grande iniezione di entusiasmo e di gioia per il popolo italiano».

Sul rapporto con il compagno di club il difensore, classe '84, Giorgio Chiellini: «Vi dico solo che lunedì torneremo dall’Europeo e due giorni dopo partiremo insieme per le vacanze».

Sull'attacco dell'Inghilterra: «L’Inghilterra ha degli attaccanti fortissimi, servirà una grande attenzione non solo da parte di noi difensori, ma di tutta la squadra. Dovremo essere molto attenti alla velocità delle mezze punte e degli esterni e alla fisicità delle loro prime punte».

Sull'attaccante, classe '93, Harry Kane del Tottenham Hotspur FC: «Non lo scopriamo di certo adesso, sono anni e anni che fa bene con il Tottenham e con la nazionale inglese, è uno dei più forti attaccanti al mondo».

Sugli attaccanti azzurri: «Anche quando non segnano, per noi Ciro (Immobile, ndr) e il Gallo (Andrea Belotti, ndr) fanno un lavoro sporco fondamentale sia in fase di possesso che di non possesso. Devono restare sereni, purtroppo l’attaccante quando non fa gol viene criticato. Sono convinto che anche domenica daranno il massimo e, perché no, che saranno decisivi».

Sullo steward che ha invaso il campo al termine della gara unica delle semifinali della fase a eliminazione diretta della fase finale di UEFA EURO 2020™ contro la Spagna (Italia vs Spagna 5-3 dtr, 6 luglio 2021): «Capisco il loro lavoro, devono stare per ore a fare attenzione ai tifosi e può capitare di sbagliare. Se domenica dovessi rivederla a bordo campo la abbraccerei di nuovo».

Sulla presenza al Wembley Stadium di Londra (Inghilterra) di Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica Italiana: «Vorremmo regalare una gioia a lui e a tutti gli italiani».

Sui possibili festeggiamenti dei tifosi azzurri in caso di vittoria in finale: «Ho visto immagini che vanno stigmatizzate. E per questo voglio invitare tutti a festeggiare con il massimo rispetto, di se stessi e del prossimo».