Gravina: «Per gli stadi deve essere un'apertura graduale»

Il presidente federale ha parlato durante l'incontro a Roma con il presidente della FIFA, Gianni Infantino, ed il premier, Giuseppe Conte
09.09.2020 20:20 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: figc.it
© Getty Images
© foto di TuttoNazionali.com
© Getty Images

Gabriele Gravina, presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, come riporta il sito ufficiale della Federazione (figc.it), durante l'incontro con il presidente della FIFA, Giovanni Vincenzo Infantino detto "Gianni", presso la sede della FIGC a Roma (RM):

«Per gli stadi deve essere un'apertura graduale - dichiara il numero 1 della FIGC -, ma che chiede una sorta di posticipazione rispetto all'attività scolastica. Parte prima la scuola, per poi verificare gradualmente la possibilità di riapertura degli stadi».

Sul presidente della FIFA, Giovanni Vincenzo Infantino detto "Gianni": «Lo ringrazio per l’amore che ha per il nostro Paese e per la sensibilità dimostrata».

Sulla possibilità di limitare i tamponi, con il principio del massimo rispetto della salute degli atleti, ma garantendo una maggiore flessibilità: «Speriamo di poterci allineare alle regole in vigore nel resto d'Europa per non applicare sistemi troppo invasivi sui nostri atleti. Abbiamo avuto modo di parlare con il ministro Speranza e domani è prevista un’audizione del ministro (per le politiche giovanili e lo sport, ndr) Spadafora (Vincenzo, ndr) con il Cts per affrontare anche questo argomento».