Mancini: «Dobbiamo cercare la vittoria. Locatelli? È cresciuto molto»

Il CT dell'Italia ha parlato alla vigilia della 2ª giornata del Gruppo 1 della Lega A della UEFA Nations League 2020/2021 contro l'Olanda
06.09.2020 19:30 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: figc.it
© Getty Images
© Getty Images

Roberto Mancini, Commissario Tecnico dell'Italia (Nazionale A), ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, come riporta il sito ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (figc.it), durante la conferenza stampa svoltasi quest'oggi, domenica 6 settembre, alle ore 17:30 presso il KNVB Campus di Zeist (Olanda) in vista della 2ª giornata del Gruppo 1 della Lega A della fase a gironi della UEFA Nations League 2020/2021 contro i pari categoria dell'Olanda, in programma nella giornata di lunedì 7 settembre alle ore 20:45 presso Johan Cruijff Arena di Amsterdam (Olanda) [diretta televisa Rai 1]:

«Tra stasera e domani - dichiara il CT azzurro - dovremo verificare le condizioni di tutti, ma è probabile che dovremo cambiare molti giocatori. C’è qualcuno che ha fatto solo due allenamenti ed è venuto in ritiro senza neppure giocare una partita. Anche nel rispetto di tutti i giocatori, non vogliamo che abbiano degli infortuni. Non è pensabile, per esempio, che uno come Sensi giochi due partite in quattro giorni. Chiellini (Juventus FC, ndr) giocherà, così come Donnarumma (AC Milan, ndr), Jorginho (Chelsea FC, ndr) e Immobile (SS Lazio, ndr)».

«Spero che la squadra giochi bene - prosegue Mancini -, in modo propositivo come con la Bosnia, anche se certe cose non ci sono riuscite. Dobbiamo cercare la vittoria. Se avessimo giocato a ottobre, sarebbe stato meglio, dispiace anche per l'assenza di pubblico. Penso che sarà una partita più spettacolare rispetto a quella di venerdì sera, perché ci troveremo di fronte una squadra che attacca di più».

Sui giovani: «Ho visto Zaniolo (AS Roma, ndr) e Kean (Everton FC, ndr) molto cresciuti rispetto al passato. Credo che continuerà a essere così, sono sulla buona strada, questo mi rende felice e rendefelice i loro club. I giovani sono parte integrante della squadra, da un anno e mezzo ormai».

Sul centrocampista, classe '98, Manuel Locatelli dell'US Sassuolo Calcio: «Lo abbiamo tenuto con noi perché pensiamo di utilizzarlo anche a partita in corso. Ha fatto bene nell'ultimo campionato, anche lui è cresciuto molto».