Paganin: «Contro la Svezia sarà una gara molto più complicata»

Il Capo Delegazione dell'Italia Under 21 ha parlato al termine dell'amichevole internazionale vinta per 2-1 dagli Azzurrini contro la Slovenia
03.09.2020 20:50 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: Rai Sport
© Getty Images
© Getty Images

Massimo Paganin, Capo Delegazione dell'Italia Under 21, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Rai Sport al termine dell'amichevole internazionale odierna, che ha visto l'Italia Under 21 del Commissario Tecnico Paolo Nicolato vincere per 2-1 contro i pari categoria della Slovenia (Italia U21 vs Slovenia U21 2-1, 3 settembre 2020) presso lo Stadio "Guido Teghil" di Lignano Sabbiadoro (UD):

«È stata un'esperienza diversa - dichiara l'ex calciatore professionista in merito al raduno azzurro -, un'esperienza importante che ci farà crescere anche come gruppo. Chiaramente quando si affrontano delle difficoltà si fa un percorso di crescita, si acquisiscono delle conoscenze nuove e, di conseguenze, ci si rafforza. Siamo uniti pur avendo fatto pochi allenamenti perché, come dice il Mister, "abbiamo fatto più tamponi che allenamenti", purtroppo, in questi giorni. I ragazzi sono stati bravissimi da questo punto di vista, si sono messi a disposizione. Come diceva Andrea (Colpani, ndr), poco fa, la forza di questa gruppo, al di là della qualità dei singoli, è la capacità di mettersi a disposizione quando ci sono difficoltà e, di conseguenza, di superarle rapidamente».

Sul gruppo: «Diciamo che il gruppo storico, i più vecchi, sono stati molto bravi, da questo punto di vista, a coinvolgere gli altri. Questa è una situazione anomala perché c'è poco contatto tra i calciatore e questo è inusuale in una squadra. Visto che anch'io sono stato un giocatore di calcio è difficile da riuscire a capire ed a comprendere. Siamo in un momento di passaggio, quindi dobbiamo crescere, come detto, ed abituarci a questo tipo di situazioni. Mi auguro che, molto velocemente, riusciremo ad andare oltre ed a riprendere quella che è la normalità del calcio: il pubblico, i contatti, la possibilità di esultare dopo un gol e stare tutti vicini. Mi auguro che passi in fretta questo momento».

Sulla partita contro la Svezia (valevole per la 6ª giornata della fase di qualificazione alla fase finale della UEFA European Under-21 Championship Hungary-Slovenia 2021 ed in programma nella giornata di martedì 8 settembre 2020 alle ore 18:00 presso la Guldfågeln Arena di Kalmar [Svezia]): «Sarà una gara molto più complicata. Logicamente non sarà semplice per noi. Dobbiamo spostarci questa sera (a Venezia, ndr), ci trasferiremo ulteriormente domani mattina (alla volta del CPO di Tirrenia [PI], ndr) e poi andremo in Svezia. È chiaro che la situazione è un po' anomala perché, se non sbaglio, loro sono alla 18ª giornata di campionato (Allsvenskan, ndr). Dal punto di vista fisico e della condizione atletica staranno meglio di noi, ma, ripeto, credo che la qualità dei singoli e, soprattutto, l'unità del gruppo potranno fare la differenza».