Mancini: «Il Belgio è una grandissima squadra. Faremo la nostra partita»

Il CT della Nazionale A ha parlato durante la conferenza stampa alla vigilia degli ottavi di finale di UEFA EURO 2020™ contro il Belgio
01.07.2021 18:30 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: figc.it
© Getty Images
© Getty Images
© foto di TuttoNazionali.com

Roberto Mancini, Commissario Tecnico dell'Italia (Nazionale A), ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, come riporta il sito ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (figc.it), durante la conferenza stampa svoltasi quest'oggi, giovedì 1° luglio, alle ore 17:45 presso l'Allianz Arena di Monaco di Baviera (Germania) alla vigilia della gara unica dei quarti di finale della fase a eliminazione diretta della fase finale di UEFA EURO 2020™, che vedrà gli Azzurri affrontare il Belgio nella giornata di domani, venerdì 2 luglio, alle ore 21:00:

«Il Belgio è una grandissima squadra - dichiara il CT azzurro - ed è in cima al ranking da tre anni. Noi ci auguriamo che possano recuperare tutti i giocatori, sapendo ovviamente che ci metterebbero più in difficoltà, ma il bello del calcio è anche questo. Per gli spettatori vedere le squadre al completo sarebbe la cosa più bella».

«Faremo la nostra partita - prosegue Mancinisapendo di affrontare la migliore squadra in Europa insieme alla Francia. Sarà una gara difficile, il Belgio ha giocatori straordinari. Vincerà chi farà meno errori: anche uno solo potrà essere determinante».

Sulla gara unica degli ottavi di finale della fase a eliminazione diretta della fase finale di UEFA EURO 2020™ contro l'Austria (Italia vs Austria 2-1 dts, 26 giugno 2021): «Contro l'Austria abbiamo sofferto un po' di più, ma alla fine abbiamo fatto 26 tiri in porta. Abbiamo vinto meritatamente e ricordiamoci che non esistono partite facili, l'Europeo ce lo insegna. Firmerei domani per soffrire e fare 26 tiri in porta. Siamo felici di quello che abbiamo fatto fino ad oggi e vogliamo andare avanti».

Sui dubbi di formazione: «Pochi. Poi aspettiamo domani per valutare le condizioni fisiche di tutti».

Sul percorso degli Azzurri: «Siamo dalla parte del tabellone più difficile, almeno sulla carta, ma a questo livello non c'è nulla di semplice e scontato. Affrontiamo una partita alla volta iniziando da domani, siamo consapevoli delle nostre qualità».