Cutrone: «Abbiamo sbagliato poco. Il gol? È merito della squadra»

Il capitano dell'Under 21 ha rilasciato le seguenti dichiarazioni al termine della gara di qualificazione vinta 2-0 contro la Repubblica d'Irlanda
13.10.2020 19:35 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: Rai Sport
© Getty Images
© Getty Images

Patrick Cutrone, attaccante classe '98 dell'ACF Fiorentina, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Rai Sport al termine dell'8ª giornata del Gruppo 1 della fase di qualificazione alla fase finale della UEFA European Under-21 Championship Hungary-Slovenia 2021, che ha visto l'Italia Under 21 del Commissario Tecnico Alberto Bollini vincere 2-0 contro i pari categoria della Repubblica d'Irlanda (Italia U21 vs Repubblica d'Irlanda U21 2-0, 13 ottobre 2020) presso l'Arena Garibaldi - Stadio "Romeo Anconetani" di Pisa (PS):

«Abbiamo passato una settimana davvero brutta - dichiara il capitano degli Azzurrini -. Non ci siamo potuti allenare e non abbiamo potuto avere contatti tra di noi. Per dire, non potevamo fare neanche la classica cena di squadra, ognuno mangiava nella propria stanza e se ci vedevamo era unicamente per andare a fare i tamponi».

«Oggi - prosegue Cutrone - è come se avessimo giocato tutti. I ragazzi che si sono allenati a Coverciano (l'Italia Under 20 del CT Alberto Bollini, ndr) sono stati davvero professionali. Ci hanno dato una grossa mano, tutti: chi era in campo, chi era in panchina e chi era in tribuna. È stato un po' come se i ragazzi che erano a Tirrenia (l'Italia Under 21 del CT Paolo Nicolato, ndr) fossero con noi».

Sulla sua rete personale: «Il gol parte sempre da una grande azione della squadra. Penso che oggi abbiamo sbagliato davvero poco ed abbiamo giocato da grande squadra. Il gol lo dedico ai ragazzi che erano a Coverciano ed ai ragazzi che erano con me a Tirrenia questa settimana».

Sull'ACF Fiorentina: «Mi alleno sempre al massimo e mi faccio trovare sempre pronto. Bisogna sudarsi il posto, mettere in difficoltà il Mister (Giuseppe Iachini, ndr) e sono sicuro che lo farò».