Emerson Palmieri: «In Nazionale mi sento un calciatore importante»

Il difensore azzurro ha parlato al termine della 3ª giornata del Gruppo 1 della Lega A dei gironi della Nations League pareggiata 0-0 contro la Polonia
11.10.2020 23:20 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: Rai Sport
© Getty Images
© Getty Images

Emerson Palmieri dos Santos, difensore classe '94 del Chelsea FC, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Rai Sport al termine della 3ª giornata del Gruppo 1 della Lega A della fase a gironi della UEFA Nations League 2020/2021, che ha visto l'Italia (Nazionale A) del Commissario Tecnico Roberto Mancini pareggiare 0-0 contro la Polonia (Polonia vs Italia 0-0, 11 ottobre 2020) presso lo Stadion Energa Gdańsk di Gdańsk (Polonia):

«Quando ho saputo che avrei giocato - dichiara il calciatore azzurro -, ero felice. Nel momento in cui indosso questa maglia, so che devo fare del mio meglio».

Sul Chelsea FC: «Quando vengo in Nazionale, cambio testa. Qui mi sento un calciatore importante nel Chelsea, invece, le cose non stanno andando come vorrei in questo inizio di stagione. Devo lavorare e fare del mio meglio quando scendo in campo».

Sull'intervento difensivo sull'attaccante polacco, classe '88, Robert Lewandowski dell'FC Bayern München: «Quando noi difensori abbiamo davanti attaccanti così, dobbiamo farci trovare pronti. Porto con me questo "quasi gol". Sono contento per il reparto difensivo perché siamo riusciti a fermare un calciatore come Lewandowski».

Sul gol sfiorato nella ripresa: «Purtroppo non sono riuscito a segnare, ma fa parte del gioco».

Sul presunto fallo da rigore ai suoi danni: «Penso che ci fosse perché mi ha spostato un po'. Ho provato a rimanere in piedi per provare a far gol».